Skip to content

DOWNEASTRIDERS.US

Down East Riders

MP3 BRIGANTE SE MORE BENNATO EUGENIO SCARICA


    Contents
  1. Eugenio Bennato download Mp3 songs and listen to music online for free #1 | en | Muzlan
  2. Canzoni contro la guerra – Brigante se more
  3. “Brigante se more”. L’inno popolare scritto da Eugenio Bennato
  4. Eleaml – Sud – ex-Regno delle Due Sicilie

SCARICA MP3 BRIGANTE SE MORE BENNATO EUGENIO - Ottieni Link Mostra nella timeline Aprezzo la decisione di istituire un percorso sui. 01 Brigante se downeastriders.us3 2 Mb 02 Canzone per downeastriders.us3 3 Mb 03 Vulesse downeastriders.us3 3 Mb 04 Quanno sona la downeastriders.us3 3 Mb 05 Quanno o. Eugenio Bennato co-founded the group Nuova Compagnia di Canto Ritmo di contrabbando, Brigante se more, Eleonora, Taranta Sound, Carpino, Italia. Artist: Eugenio Bennato, Song: Riturnella, Duration: , Size: MB, Bitrate: kbit/sec, Type: Eugenio Bennato Briganti se more (Eugenio Bennato). Brigante Se More. +. Musicanova (D'Angio'/Bennato Eugenio). +. Quanno Turnammo a Nascere. Prezzo totale: EUR 32, Aggiungi i tre articoli al carrello.

Nome: mp3 brigante se more bennato eugenio
Formato:Fichier D’archive (mp3)
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file:6.27 MB

MP3 BRIGANTE SE MORE BENNATO EUGENIO SCARICA

Update Required To play the media you will need to either update your browser to a recent version or update your Flash plugin. All acoustic ambient blues classical country electronic emo folk hardcore hip hop indie jazz latin metal pop pop punk punk reggae rnb rock soul world 60s 70s 80s 90s MyTracks MyArtists History My profile About Terms Of Use Contacts.

Tags: folk italian ethnic mediterraneo italian folk. Statistics: 98, plays 10, listners top track count. Music tracks:. Refresh tracks. Please like our facebook page! Already Like it!

Il brigante Carmine Crocco Brigante se more. Moresca terza Pt1 Brigante se more.

Eugenio Bennato download Mp3 songs and listen to music online for free #1 | en | Muzlan

Similar Songs. All Right Reserved. We have noticed that you have an ad blocker enabled on your browser. To experience full features of the site please disable it for www. Please enter the OTP sent. Resend OTP in 15 seconds. Mobile Number. Log In. Full Name. Confirm Password. Existing User? LOG IN. You have been successfully Logged In!

A verification link has been sent on your Email ID. Please verify. Didn't receive verification mail? You can now login with your mobile number too. Register Mobile Number. Ok got it! Your password has been successfully updated Ok got it! Enter Existing Password. Visualizza Anteprima di stampa Nascondi immagini Mostra solo il testo della canzone Cerca altre canzoni dello stesso autore altre canzoni nella stessa lingua Canzoni collegate Video su YouTube Cerca su Google Lyrics Translate Discogs MusicBrainz Login amministratori.

Brigante se more Musicanova Loading Lingua: Napoletano. Anche senza traduzione dà la pelle d Hanno portato nient'altro I contadini meridionali Ad ogni modo, e credimi, te lo dico senza polemica, se pure Sotto savoia condannarono Tornando alla Canzone dei briganti Ho avuto modo di sfogliare il libro in questione, contiene Cioè quel che scrive Riccardo La fac E Gigi d'Alessio séguita a campare!

Guarda il video. La "Guerra al brigantaggio" e la Questione meridionale nell'Italia postunitaria. La banda del brigante Agostino Sacchitiello di Bisaccia, uno dei più fidati luogotenenti di Crocco, Come è nato Brigante se more estratti dal capitolo 5 del libro di Eugenio Bennato Brigante se more - viaggio nella musica del Sud , Coniglio editore, Anton Giulio Majano. Si continua a sostenere che non sia una composizione originale degli anni '70 ma un riadattamento o rielaborazione di una vera canzone del XIX secolo.

Ma come lo stesso Eugenio Bennato ha dichiarato in un'intervista e ampiamente spiegato in un libro di recente uscita la canzone è stata scritta nel e la versione "neo-borbonica" è una maldestra contraffazione Si veda comunque l'animata discussione che continua ancora in fondo a questa pagina.

Il testo e le note originali dal libretto dell'album "Briganti se more" Brigante se more - Ninco Nanco. BRIGANTE SE MORE Ammo pusato chitarre e tamburo pecché 'sta musica s'adda cagnà simmo briganti e facimmo paura, e cu a scuppetta 1 vulimmo cantà E mo cantammo sta nova canzone tutta la gente se l'adda 'mpara nun ce ne fotte d'o re Burbone ma 'a terra è 'a nosta e nun s'adda tucca' Tutte e paise d'a Basilicata se so' scetati 2 e vonno luttà pure 'a Calabria mo s'è arrevotata 3 e stu nemico 'o facimmo tremmà Chi ha visto o lupo e s'è miso paura nun sape buono qual è a verità o vero lupo ca magna 'e creature è 'o piemontese c'avimma caccià Femmene belle ca date lu core, si lu brigante vulite salvà nun 'o cercate, scurdateve 'o nome chi ce fa guerra nun tene pietà Ommo se nasce, brigante se more, ma fino all'ultimo avimma sparà e si murimmo, menate nu fiore e na bestemmia pe' sta libertà.

Lingua: Italiano. Siamo briganti, facciamo paura e con il fucile vogliamo cantare, e con il fucile vogliamo cantare. E ora cantiamo questa nuova canzone, tutta la gente la deve imparare.

Ce ne freghiamo del re Borbone, la terra è nostra e non deve essere toccata, la terra è nostra e non deve essere toccata. Tutti i paesi della Basilicata si sono svegliati e vogliono lottare, pure la Calabria si è rivoltata; e questo nemico facciamo tremare, e questo nemico facciamo tremare.

Chi ha visto il lupo e si è spaventato, non sa ancora qual è la verità.

Il vero lupo che mangia i bambini è il piemontese che dobbiamo cacciare, è il piemontese che dobbiamo cacciare. Donne belle che date il cuore, se il brigante volete salvare non lo cercate, dimenticatene il nome; chi ci fa guerra non ha pietà, chi ci fa guerra non ha pietà.

Uomo si nasce, brigante si muore, ma fino all'ultimo dobbiamo sparare. E se moriamo portate un fiore e una bestemmia per questa libertà, e una bestemmia per questa libertà. Versione italiana dei Golaseca. Lingua: Inglese. We are outlaws, fear is our tune and now we want to sing with guns, and now we want to sing with guns.

So let's sing now this new song that all you people are going to learn. Don't give a damn of the Bourbon king, this is our land and nobody takes it, this is our land and nobody takes it. All the villages in Basilicata are rising up and want to fight, even Calabria is now insurging and we're going to scare the enemy, and we're going to scare the enemy.

You saw the wolf and got so scared, but you don't know the truth yet. The real wolf who eats children is the Piedmontese so let's drive him away is the Piedmontese so let's drive him away All ye fair maidens who give your heart if you really want to save the outlaw don't look for him, forget his name, we're at war with a merciless enemy, we're at war with a merciless enemy.

You were born as a man, you die as an outlaw, we'll shoot and fight up to the last. And if we die, so bring us a flower and an oath for our liberty, and an oath for our liberty. Lingua: Francese. Et si nous mourons, apportez une fleur et un juron pour cette liberté, et un juron pour cette liberté. Voilà les pensées que me suscite cette remarquable chanson.

Tu es du Sud Je ne l'aurais jamais cru. Que je sois du Sud, moi, le somaro, l'âne, enfant d'Apulée de Madaure Tunisie, actuellement , je le comprendrais, mais toi Comment peux-tu prétendre cela, toi qui viens, tu l'avoues à l'instant, du Nord, de l'Afrique du Nord Tu vois, Lucien l'âne mon ami, tout est relatif pour un enfant ou un âne du Niger ou d'Angola, du Congo ou de la Tanzanie, tu es franchement du Nord.

Pareillement, un Padanien si tant est qu'il en existe Bref, on est toujours au Nord ou au Sud de quelqu'un ou de quelque part. Il faudrait camper sur le pôle pour échapper à cette dichotomie. Encore qu'au pôle Sud, on soit au Sud de tout le monde et au pôle Nord, au Nord de tout le monde. Ceci n'est vrai que pour une personne À ceci près toutefois, que ce sont des endroits inhabitables. Marco Valdo M. Mais cependant que veux-tu dire, toi qui est très largement au Nord de toute l'Italie, quand tu me dis que tu es du Sud Eh bien, tout remonte à la construction d'un État fantôme, imposé aux peuples par les puissances séculaires, dont certaines ont depuis disparu Cet État, que je me garderai bien de qualifier autrement en tant que tel, n'a — à proprement parler, comme tous les États d'ailleurs, rien fait, rien décidé, rien proposé, rien développé Il fut et reste l'instrument de certaines personnes, castes, partis, groupes, holdings, gangs Il est loisible à chacun de donner à ceux-là le nom qu'ils méritent à ses yeux.

C'est précisément ce que nous reprochons aux États en général, dit Lucien l'âne. Je te le répète : les États sont les instruments de certaines coteries Leur seule légitimité, c'est d'avoir pris le pouvoir De quelque façon que ce soit Le pouvoir, c'est comme la richesse, on le prend toujours au détriment des autres, des plus faibles, des crédules La poursuite de la richesse est la pire ennemie de la vie elle-même.

D'accord, Lucien l'âne mon ami, mais ce n'était pas la question ici. Tout ce que je peux en dire, c'est qu'ici aussi, le Sud est exploité par le Nord, que les régions du Sud sont écrasées par la domination du Nord, même si les gens du Nord prétendent à une autre vérité historique, même si leur propagande affirme le contraire. Notre région a subi et subit encore un destin similaire à celui des populations de l'autre côté du mur : chômage, destruction industrielle, misère croissante des services publics, sous-équipement, privatisation accélérée Bref, un destin de Sud au sens où l'entend la chanson du jour.

Il est temps que cela se sache et que la propagande venue de notre Nord ne soit plus prise au sérieux par personne, si tant est qu'il y ait eu un jour quelqu'un pour y croire C'est toujours ainsi avec la propagande, dit Lucien l'âne. Son but principal est de faire prendre le faux pour le vrai, le mensonge pour vérité, d'inverser offenseur et offensé Et tant plus on en remet, tant plus le mensonge est énorme, tant plus on arrive à y faire croire Pour éclairer ta lanterne, sache, mon ami Lucien l'âne, toi qui viens de si loin, que les gens d'ici ceux du Sud, ceux de Wallonie n'ont jamais, au grand jamais attaqué personne, n'ont jamais au grand jamais exploité une population, c'est-à-dire d'autres gens, n'ont jamais — comme tous les somari du monde ni envahi, ni conquis les pays et les régions voisines, qu'ils n'ont jamais fait que se défendre Quant à la caste wallonne, cette couche de riches qui exploitait la population wallonne, elle était tellement nulle qu'elle n'aurait pu être conquérante ailleurs et par voie de conséquence, elle n'a jamais pu exploiter Elles ont même été systématiquement étouffées, contrecarrées, écrasées Mais l'inverse est vrai Pour quelque obscure raison que nous n'arrivons pas à entrevoir, on nous impose contre notre volonté la langue des deux tiers de la population de ce pays fantôme, de cet ectoplasme, on l'impose dans l'enseignement, on gaspille des sommes folles à vouloir l'inculquer enfoncez-vous bien ça dans la tête!

On l'impose en matière de d'emploi, elle est cause de discrimination, y compris salariale. Comme disait Léo Ferré, Y en a marre!

Oui, tu as raison, Marco Valdo M. C'est là aussi un épisode de la Guerre de Cent Mille Ans que les riches font aux pauvres pour accroître leur richesse, renforcer leur domination, étendre leurs pouvoirs, multiplier leurs profits Car vois-tu, il en va des régions ou des pays comme des hommes Ainsi Parlaient Marco Valdo M.

Nous sommes des brigands, nous faisons peur Avec le fusil, nous voulons chanter. Et maintenant, nous chantons cette chanson nouvelle Tous les gens doivent l'apprendre Nous nous foutons du roi Bourbon Notre terre est nôtre et on n'y touche pas. Notre terre est nôtre et on n'y touche pas. Tous les villages de la Basilicate Se sont réveillés et veulent lutter Même la Calabre est en révolte Et nous faisons trembler cet ennemi Et nous faisons trembler cet ennemi Celui qui a vu le loup et s'est épouvanté Ne connaît pas encore la vérité.

Homme on naît, brigand on meurt Mais jusqu'au dernier, nous devons tirer Et si nous mourons, apportez une fleur Et malédiction pour cette liberté. Et malédiction pour cette liberté. Lingua: Portoghese. Somos brigantes e metemos medo e com a escopeta queremos cantar, e com a escopeta queremos cantar.

Canzoni contro la guerra – Brigante se more

O verdadeiro lobo que come criancinhas é o piemontês que devemos caçar, é o piemontês que devemos caçar. E se morremos nos tragam uma flor e uma blasfêmia para a liberdade, e uma blasfêmia para a liberdade. Lingua: Polacco.

Versione polacca di Zofia "L'ho sentita quest'estate e sono rimasta affascinata da questa storia sconosciuta e mi sa che anche un po' censurata dagli storici ufficiali italiani. Adesso vorrei che anche i polacchi possano conoscerla. Ho fatto questa traduzione in base alla versione italiana; ma perche la chiamate "canzone contro la guerra"? Comunque, l'ho sentita quest'estate e sono rimasta affascinata da quella storia sconosciuta, e mi sa che un po' censurata dagli storici ufficiali italiani Vorrei che anche i polacchi possano sentire qualcosa di essa.

Lingua: Greco moderno. Una nota linguistica: poiché in greco non esiste il "si impersonale" con i verbi intransitivi come il nostro "si muore" è necessario riportare tutto a forme personali. In greco è quindi "briganti moriamo". Lingua: Corso. La versione corsa dei Diana di l'Alba :. Lingua: Russo. Mi è piaciuta la canzone.

Anche senza traduzione dà la pelle d'oca. Ho deciso di fare una traduzione in modo che questa bellissima canzone potesse essere cantata anche in russo. Ottieni Link Mostra nella timeline La contraffazione neo-borbonica Su vari siti internet si trovano i versi di questa "versione alternativa filo-borbonica" che, come ben spiega lo stesso Bennato , è evidentemente una contraffazione posteriore e anche maldestra.

Ecco le notizie che anche questo sito aveva erroneamente riportato: Si tratta in origine di un canto tradizionale del , rielaborato da Eugenio Bennato, fondatore e leader di Musicanova. Il testo originale, riportato da "Briganti e partigiani" - a cura di: Barone, Ciano, Pagano, Romano - Edizione Campania Bella si intitola Libertà e differisce dalla versione di Bennato per due sole frasi, alla seconda e all'ultima strofa:.

Ommo se nasce, brigante se more, ma fino all'ultimo avimma sparà, e si murimme menate nu sciore e na preghiera pe' sta libertà! Ottieni Link Mostra nella timeline I due versi contraffatti estratti del capitolo 6 del libro di Eugenio Bennato Brigante se more - viaggio nella musica del Sud , Coniglio editore, A un certo punto della sua storia, Brigante se more ha subito una violenza, una contraffazione.

Un anonimo si è preso la briga di alterarla, seppur di poco, e di cambiare due versi, uno nella seconda, uno nell'ultima strofa, e allora il nostro canto ha subito un danno dal punto di vista stilistico: la versione che ne viene fuori ha peggiorato la composizione originale.

Il problema è che, per di più, la manipolazione del testo originale è avvenuta per mani inesperte e maldestre: vi assicuro che scrivere versi di carattere popolare non è un'impresa facile.

Ommo se nasce brigante se more ma fino all'ultimo avimma sparà e si murimmo menàte nu fiore e na bestemmia pe sta libertà. Tutti morimmo a stento ingoiando l'ultima voce tirando calci al vento vedemmo sfumare la luce. L'urlo travolse il sole l'aria divenne stretta cristalli di parole l'ultima bestemmia detta. Il testo della "romantica ballata" originale proposta in un primo tempo per i titoli di testa dello sceneggiato. Ottieni Link Mostra nella timeline Antonio Gramsci: Lo stato italiano postunitario "Lo stato italiano è stato una dittatura feroce che ha messo a ferro e fuoco l'Italia meridionale e le isole, squartando, fucilando, seppellendo vivi i contadini poveri che scrittori salariati tentarono d'infamare col marchio di briganti" Antonio Gramsci in Ordine Nuovo, Ottieni Link Mostra nella timeline la canzone è bellissima la storia è affascinante io la canto insieme alla mia chitarra.

CHEYENNE Vedi, potrei anche capire la tua indignazione, se non fosse che con un' ulteriore ricerca su internet ho scoperto che il brano "popolare originale" non esiste affatto. Un brano che affonda le radici nella realtà delle nostre origini. Evidentemente abbiamo assorbito la lezione della musica popolare a tal punto da farlo sembrare un canto vero.

Sembra un canto autentico, e tutte le volte che la gente crede che sia tale lo prendo come un grande complimento perché significa che ho centrato il segreto del linguaggio. Eugenio Bennato, intervista ad Il Sannio Quotidiano. Ottieni Link Mostra nella timeline Caro Lorenzo, che la canzone sia stata scritta da Bennato e non sia un vero canto di briganti non cambia la manipolazione che è stata fatta della storia dell'unificazione forzata e armata d'Italia.

“Brigante se more”. L’inno popolare scritto da Eugenio Bennato

Anzi, Bennato dando questa versione del brigantaggio - "nun ce ne fotte du Re Burbone" e "na' bestemmia pe' 'sta libertà" - non ha fatto altro che allinearsi al gioco del vincitore di ieri e di oggi , sottomettendosi alla menzogna che ci è stata raccontata per circa anni.

In questo modo ha tradito lo spirito dei popoli meridionali che combatterono l'invasore proprio in nome del Re Borbone e della propria identità schiacciata, della quale la fede religiosa era parte fondamentale. Chi canta oggi questa canzone lo fa, probabilmente senza saperlo, perchè l'immagine del brigante evoca sentimenti di ribellione che hanno radici profonde. Dovrebbe vergognarsi invece di esserene fiero! Marina Willyyyy!!!! Ti abbiamo trovato una fidanzata!

Prima di tutto ti chiedo scusa per la "battutaccia" che ho inserito in fondo al tuo commento; ma mi è venuta spontanea pensando al nostro oramai consolidato "Borbonico ufficiale" del sito, Willy che saluto. Dubito peraltro che, comunque la si voglia vedere, Bennato abbia voluto "tradire i meridionali" sarebbe difficile ipotizzare una cosa del genere nell'autore di Che il Mediterraneo sia , direi ; piuttosto, mette l'accento su un fatto che mi sembra degno di nota.

Se parli di "identità", presupponi un'identità comune che i Meridionali non avevano, e non potevano avere. Quale "identità comune" pensi che potessero avere dei Lucani con dei Siciliani? E degli Irpini con dei Calabresi? O addirittura dei Calabresi della costa Ionica con dei Calabresi dell'Aspromonte o della costa Tirrenica? Il "Re Borbone" e la "fede religiosa" possono essere stati dei "collanti", perché in ogni ribellione c'è bisogno di qualcosa, di un simbolo che leghi; in realtà chi si ribellava gridando fedeltà al re e alla santa religione, si ribellava per il pane, per la terra, per la propria vita.

Re, dèi e quant'altro servono solo a far da bandiera, ma, nel profondo, c'entrano quanto il cavolo a merenda. Questo, credo, è il vero senso del "Nun ce ne fotte du Re Burbone" di Bennato. Il quale ha colto esattamente di che cosa si trattava, magari con termini un po' "forti", ma a mio parere storicamente esatti.

Eleaml – Sud – ex-Regno delle Due Sicilie

Se c'è un' "identità" di cui i ribelli del Meridione che poi furono definiti "briganti", questa era l'identità della fame cui erano condannati.

Era l'identità dello sfruttamento come carne da cannone, con l'istituzione della leva obbligatoria. Ovviamente, per motivi strettamente storici e politici, non posso parlare di identità di classe, anche se se ne potrebbe discutere almeno come abbozzo, come embrione.

Questi erano i motivi profondi della lotta. Non una presupposta "identità meridionale" o "identità religiosa". Tutto sta a non fermarsi ai simboli, che sono soltanto spesso comodissime e false apparenze. Ottieni Link Mostra nella timeline Aprezzo la decisione di istituire un percorso sui briganti,dei martiri morti per il regno duosiciliano Ma cio' che e' riprodevole e' la solita solfa a base "storico-materialistica" attraverso la quale aggiungi volente o nolente menzogna su menzogna Basta leggere le biografie di briganti quali Carmine Crocco e Chiavone,i diari di Jose'Borjes definito "l'antigaribaldi" e Tristany,i resoconti storiografici di Mahnés,Mac Ferlan e Adele del Blasio per verificare quanto sia i lazzari protagonisti della controrivoluzione del '99 ,contadini e il popolo fosse attaccato all'antica monarchia, alla fede i conventi dettero rifugio ai briganti come a Trisulti e al concetto identitario di "naziune napulitana".

Negli anni succesivi al Risorgimento i garibaldini e i loro succesori De Pretis,Crispi etc Esiste un proverbio toscano che recita: "cencio dice male di straccio"; a proposito di "solite solfe". Ma non fa nulla; ognuno ha la propria visione delle cose Ottieni Link Mostra nella timeline Un saluto a Marina. Ottieni Link Mostra nella timeline se leggete bene l'autobiografia di crocco, a pag. Cerca di mettertelo in testa chiunque tu sia.

Ottieni Link Mostra nella timeline Intanto grazie per l'attenzione dedicata ai cosiddetti "briganti", o meglio alla resistenza delle Due Sicilie all'annessione piemontese. Quale che sia la "lettura" delle ragioni che spinsero decine di migliaia di guerriglieri a darsi alla macchia per combattere l'esercito sabaudo, e la stragrande maggioranza della popolazione ad appoggiarli o a tollerare le loro ruberie per autosostenersi, è comunque importante che se ne parli, per distruggere definitivamente la cortina fumogena risorgimentale, che per più di 5 generazioni ha ammorbato il Paese italiano.

La sostanza in fondo cambia poco: l'unificazione italiana, voluta da un movimento elitario partito principalmente dal Piemonte, dal Lombardo-Veneto, dalla Toscana e dall'Emilia, fu sostanzialmente un'aggressione verso lo Stato pontificio e verso il Regno più prospero e politicamente più rilevante della penisola italiana, aggressione preparata da un decennio di ignobile propaganda diffamatoria e favorita da un'ampia corruzione e in seguito dall'utilizzo della criminalità locale come potere militare-poliziesco.

Che poi Bennato abbia soltanto recuperato alcuni "slogan" dei guerriglieri, come appunto "brigante se more! Ottieni Link Mostra nella timeline Lorenzo anche tu con una più accurata indagine avresti scoperto che "Brigante se more" il cui titolo originale è "Libertà" è un canto del Bennato ha composto la musica, le note, le sonorità, che è altro dal testo, ti pare?

Ma Eugenio Bennato non si è di certo "limitato" a comporre solo la musica, certo che no!!! Ha pure modificato due frasi dal testo originale. E poi "e na bestemmia pè sta libertà", invece di "e na preghiera pè sta libertà". E scusate se è poco!!! Barbara A questo punto non ci resta che girare la questione Ma Eugenio Bennato ha già risposto a questa domanda! E non ho motivo di mettere in dubbio quello che dice. Secondo me la versione "filoborbonica" è stata inventata dopo.

Ottieni Link Mostra nella timeline Per rispondere a Zofia, la cui bella traduzione polacca è stata già inserita ed il cui successivo commento è stato spostato nell'introduzione ad essa: perché la chiamiamo "canzone contro la guerra"? Noi non la "chiamiamo", è la canzone stessa che -qualunque sia la sua vera origine- parla di una guerra scatenata da uno stato contro coloro che, seppure da poco, erano suoi cittadini. Perché parla della violenza di uno stato ottuso contro delle popolazioni delle quali non si sforzava minimamente di comprendere i veri bisogni sociali ed economici.

E non è, purtroppo, che uno delle centinaia di esempi del genere, in tutte le epoche e in tutti i paesi. Le canzoni che parlano di una guerra, situandosi dentro di essa e preferibilmente sorte durante la guerra stessa: si vedano ad esempio quelle della guerra civile spagnola del sono spesso esempi assai più efficaci, che illustrano cosa sia veramente un conflitto.

Sono quelle che noi chiamiamo piuttosto "canzoni nella o dalla guerra". Resto naturalmente a tua disposizione per ogni ulteriore chiarimento e ti ringrazio ancora a nome di tutti per la tua traduzione. Ottieni Link Mostra nella timeline No, al contrario è Bennato che l'ha composta dopo e che il brano autentico sia la versione precedente.

È scontato che Bennato dichiari il contrario Enzo Ma esistono registrazioni precedenti o comunque testimonianze dirette inconfutabili che questo brano appartenesse alla tradizione popolare? Ottieni Link Mostra nella timeline Un articolo di Salvatore Bafurno che è anche intervenuto su questo sito a proposito di Vitti na crozza pubblicato su Il portale del sud sostiene ancora l'esistenza della versione che potremmo sbrigativamente chiamare "filoborbonica" della canzone e ne fa un'analisi accurata.

Nel sito "Il portale del sud" si sostiene anche che Bennato avrebbe rielaborato alcuni versi tramandati oralmente. Il dibattito si riapre? Ottieni Link Mostra nella timeline Mi chiamo Enzo Matarazzo sono di Frasso Telesino BN , terra che ha pagato un grosso tributo di sangue e di dolore durante il periodo del brigantaggio vedi Pontelandolfo, Casalduni, Campolattaro.

Sono un ricercatore di musica popolare del sannio da circa 34 anni e sono portavoce e cantanta di un gruppo di musica etnica denominato 'viento'. Il mio bisnonno paterno che faceva il pastore era fiancheggiatore del brigante Cosimo Giordano.

Hai letto questo?SCARICA EMULE 49 B GRATIS

Ho letto un sacco di stronzate scritte negli interventi. Qualcuno puo' dimostrare che vi siano parole riguardo a questo canto prima del ? Chi scrive queste idiozie non e' documentato bene su Egugenio Bennato, quindi farebbe meglio a tacere!!!

Aggiungo,inoltre, che la storia, e le sue dinamiche,non possono essere semplicisticamente liquidate con una eugenoo generalizzazione.

La sostanza in bennat cambia poco: Ottieni Link Mostra nella timeline Volevo solo precisare che la foto con la didascalia Banda di Carmine Crocco Brigante se more raffigura in realtà la Banda di Agostino Sacchitiello di Bisaccia, uno dei più fidati, e forti, insieme bigante Schiavone, Ninco Nanco, Caruso, etc.

Io sono Napolitano; nato tra voi, non ho respirato altra aria…i vostri costumi sono i miei costumi, la vostra lingua la mia lingua, le vostre ambizioni le mie ambizioni. Su questo sito web utilizziamo strumenti di prima o terze parti che memorizzano piccoli file cookie sul tuo dispositivo. Io penso, e spero, che quella fiaccola della resistenza non si sia mai spenta e sugenio si costruisca un movimento che rinfranchi queste terre wugenio dominazione savoiarda di cui, ancora oggi, subiamo le conseguenze.

Il faudrait camper sur le pôle pour échapper à cette dichotomie. Sarà per questo se non se ne trova traccia nel Sannio? Si tratta in origine di un canto tradizionale ejgeniorielaborato da Eugenio Bennato, fondatore e leader di Musicanova. Ottieni Link Mostra nella timeline ee, sono un ragazzo calabrese appassionato di musica mpre e teatro. Il milanese acquisito e idiolettico del sardo Franco Loi è lo stesso del milanese acquisito e idiolettico del lucchese Ivan Della Mea?